STILE, TECNICA E PASSIONE.

LA BOXE E' VITA...
UNA FILOSOFIA CHE TEMPRA L'ANIMA.

ATTIVITA' SVOLTE DALL'ASD:
DEFINIZIONE DI BOXE

Il pugilato nasce come sport di difesa personale, e risulta essere il mezzo di difesa personale più antico del mondo, in quanto i pugni sono il primo istinto dell'uomo nella difesa personale stessa. Era praticato già nell'Antica Grecia e nell'Antica Roma; i pugni erano fasciati con lunghe strisce di cuoio per proteggere le nocche in cui a volte venivano inserite anche placche di metallo. Nel XVII secolo venne strutturato affinchè si potesse praticare a livello agonistico.

Sport agonistico nel quale due contendenti si affrontano battendosi, secondo precisi regolamenti, con i pugni ricoperti da guantoni.
Esso si svolge all'interno di uno spazio quadrato chiamato ring.
Gli incontri di pugilato possono effettuarsi solo fra due pugili aventi la medesima qualifica e apparteneti (salvo casi eccezionali previsti dalla Federazione) alla medesima categoria.

DEFINIZIONE DI BOXE FEMMINILE

La boxe femminile è una disciplina in pieno sviluppo che raccoglie nuove adepte ogni anno. Poco pubblicizzata in Francia e senza riconoscimenti, la boxe cerca di farsi posto nel mondo molto chiuso degli sport di combattimento, un ambito essenzialmente maschile. Il pugilato vuole anche affrancarsi da tutti i cliché che ancora oggi circondano il mondo della boxe. Poiché questo sport è anche una cosa da donne.. è lo sport ideale per liberare la mente e trovare uno sfogo all’altezza. A sentire le grandi campionesse questa disciplina consente di acquisire sicurezza e fiducia in sé. È anche un’eccellente maniera di scolpire il proprio corpo da sogno poiché la boxe fa lavorare attivamente tutti i muscoli!

L’avrete indovinato, fare pugilato dà benefici fisici e psichici. Questa pratica sviluppa lo spirito d’iniziativa, il controllo di sé e canalizza l’energia delle donne attive. Elimina in modo efficace lo stress e le preoccupazioni del quotidiano. Le sue ripercussioni sulla vita di tutti i giorni sono innegabili: la boxe permette di prendere le distanze dalle situazioni complesse e a gestire meglio gli eventi.

Dal punto di vista fisico, sviluppa le capacità cardiovascolari e fa lavorare tutti i muscoli poiché il corpo è sempre in movimento. Bicipiti, tricipiti, addominali, gambe, glutei, si muove tutto! Ecco allora le braccia con dei bei muscoli, i glutei modellati, il corpo fermo e la vita più fine. Ideale per i chili di troppo poiché il corpo attinge alle riserve di grasso durante l’allenamento.

DEFINIZIONE DI ATTIVITA’ GIOVANILE

L’attività proposta si prefigge di fornire all’atleta una preparazione multilaterale, idonea ad “attrezzare” i giovani di quelle abilità motorie che oggi con la pratica del pugilato giovanile possiamo sviluppare.

Il settore giovanile addestra e forma i giovani atleti, preparandoli a un eventuale futuro esordio sul ring, laddove sussistano i requisiti necessari, ma l’obiettivo fondamentale per questa fascia d’età è e rimane la formazione “dell’atleta polivalente” che abbia come bagaglio un ampio vissuto motorio.

Consideriamo i giovani atleti capaci di incominciare ad amare lo sport.

“L’attività giovanile federale si rivolge ai giovani che compiono 5 anni nell’anno di riferimento fino ai 14 anni e si espleta in un’attività ludico-motoria individuale e a coppia che propone un pugilato rappresentato e differenziato proprio per le sue caratteristiche educative che esclude la forma completa della disciplina (non vi è opposizione con l’avversario), ne valorizza l’aspetto ludico rappresentando così un momento di confronto sportivo per valutarsi.

Il pugilato giovanile mira a costruire un percorso educativo in cui la pratica sportiva diventi:

percorso di benessere psico-fisico, da utilizzare durante l’esistenza come costume culturale permanente; momento di confronto sportivo per valutarsi;strumento di attrazione per i giovani, perché possono esprimersi, accettare la diversità e, quindi, socializzare; strumento di diffusione dei valori positivi dello sport, che trasforma i giovani da fruitori in portatori dei valori stessi; strumento di lotta ala dispersione scolastica ed all’emarginazione.”

DEFINIZIONE DI BOXECOMPETITION

La Boxe Competition, è un’attività amatoriale, della Federazione Pugilistica Italiana, propedeutica al Pugilato.

L’idea nasce dall’esigenza di una formazione graduale dell’atleta, gli allenamenti prevedono una preparazione fisica combinata, tanto delle capacità condizionali quanto delle capacità coordinative, le competizioni sono senza contatto o con contatto controllato, le valutazioni andranno a considerare le abilità motorie, il regolamento opportunamente stilato, le protezioni obbligatorie permettono di praticare questa disciplina a uomini e donne dai 13 anni sino ad età avanzate, senza correre alcun rischio.

Nello stesso tempo, la Boxe Competition trova un largo consenso in tutti quegli appassionati che per svariati motivi non vogliono o non possono intraprendere l’attività del Pugilato pur volendosi cimentare in una preparazione fisica propedeutica al combattimento.

La musica rende le lezioni gradevoli e fa sentire meno la stanchezza aiutando a raggiungere velocemente un’ottima forma fisica.

La Boxe Competition è un progetto a carattere di sperimentazione, come tale soggetto a valutazioni, verifiche ed eventuali modifiche su i contenuti e sul regolamento.

Il progetto è stato riconosciuto dalla FPI, Federazione Pugilistica Italiana.

DEFINIZIONE DI LIGHTBOXE

Una scherma pugilistica ATRAUMATICA in cui la valutazione, ai fini del verdetto, predilige l’abilità difensiva (schivare, uscire dalle traiettorie offensive dell’avversario) e l’abilità offensiva priva del contatto aggressivo (nessun colpo volutamente pesante e nessun colpo da ko).

E’ ammesso il contatto purché controllato. Lo scopo è dare ai numerosi frequentatori delle palestre una modalità di competizione su misura per coloro che non hanno i requisiti indispensabili nel pugilato agonistico (età, attitudine al contatto pieno, condizioni fisiche, tempo da dedicare agli allenamenti, esigenze lavorative o di studio).

CHI PUO PRATICARE LIGHT BOXE

Uomini e donne , di nazionalità italiana e straniera, dai 14 ai 65 anni:
Atleti (tesserati nella qualifica “ Light Boxe” )
Dirigenti
Tecnici
Non possono partecipare alle competizioni di Light Boxe gli atleti tesserati (o che sono stati tesserati )ed hanno svolto attività agonistica.
Il progetto è stato riconosciuto dalla FPI, Federazione Pugilistica Italiana.

Giù

CALENDAR

CONTACTS

ADD. VIA MARIO BALUSTRA 26 TORTONA (AL)
MAIL. asdboxetortona@virgilio.it

MAIL

Email:

Messaggio:

STILE, TECNICA E PASSIONE.

LA BOXE E' VITA...
UNA FILOSOFIA CHE TEMPRA L'ANIMA.

ATTIVITA' SVOLTE DALL'ASD:
DEFINIZIONE DI BOXE

Il pugilato nasce come sport di difesa personale, e risulta essere il mezzo di difesa personale più antico del mondo, in quanto i pugni sono il primo istinto dell'uomo nella difesa personale stessa. Era praticato già nell'Antica Grecia e nell'Antica Roma; i pugni erano fasciati con lunghe strisce di cuoio per proteggere le nocche in cui a volte venivano inserite anche placche di metallo. Nel XVII secolo venne strutturato affinchè si potesse praticare a livello agonistico.

Sport agonistico nel quale due contendenti si affrontano battendosi, secondo precisi regolamenti, con i pugni ricoperti da guantoni.
Esso si svolge all'interno di uno spazio quadrato chiamato ring.
Gli incontri di pugilato possono effettuarsi solo fra due pugili aventi la medesima qualifica e apparteneti (salvo casi eccezionali previsti dalla Federazione) alla medesima categiria.

DEFINIZIONE DI BOXE FEMMINILE

La boxe femminile è una disciplina in pieno sviluppo che raccoglie nuove adepte ogni anno. Poco pubblicizzata in Francia e senza riconoscimenti, la boxe cerca di farsi posto nel mondo molto chiuso degli sport di combattimento, un ambito essenzialmente maschile. Il pugilato vuole anche affrancarsi da tutti i cliché che ancora oggi circondano il mondo della boxe. Poiché questo sport è anche una cosa da donne.. è lo sport ideale per liberare la mente e trovare uno sfogo all’altezza. A sentire le grandi campionesse questa disciplina consente di acquisire sicurezza e fiducia in sé. È anche un’eccellente maniera di scolpire il proprio corpo da sogno poiché la boxe fa lavorare attivamente tutti i muscoli!

L’avrete indovinato, fare pugilato dà benefici fisici e psichici. Questa pratica sviluppa lo spirito d’iniziativa, il controllo di sé e canalizza l’energia delle donne attive. Elimina in modo efficace lo stress e le preoccupazioni del quotidiano. Le sue ripercussioni sulla vita di tutti i giorni sono innegabili: la boxe permette di prendere le distanze dalle situazioni complesse e a gestire meglio gli eventi.

Dal punto di vista fisico, sviluppa le capacità cardiovascolari e fa lavorare tutti i muscoli poiché il corpo è sempre in movimento. Bicipiti, tricipiti, addominali, gambe, glutei, si muove tutto! Ecco allora le braccia con dei bei muscoli, i glutei modellati, il corpo fermo e la vita più fine. Ideale per i chili di troppo poiché il corpo attinge alle riserve di grasso durante l’allenamento.

DEFINIZIONE DI ATTIVITA’ GIOVANILE

L’attività proposta si prefigge di fornire all’atleta una preparazione multilaterale, idonea ad “attrezzare” i giovani di quelle abilità motorie che oggi con la pratica del pugilato giovanile possiamo sviluppare.

Il settore giovanile addestra e forma i giovani atleti, preparandoli a un eventuale futuro esordio sul ring, laddove sussistano i requisiti necessari, ma l’obiettivo fondamentale per questa fascia d’età è e rimane la formazione “dell’atleta polivalente” che abbia come bagaglio un ampio vissuto motorio.

Consideriamo i giovani atleti capaci di incominciare ad amare lo sport.

“L’attività giovanile federale si rivolge ai giovani che compiono 5 anni nell’anno di riferimento fino ai 14 anni e si espleta in un’attività ludico-motoria individuale e a coppia che propone un pugilato rappresentato e differenziato proprio per le sue caratteristiche educative che esclude la forma completa della disciplina (non vi è opposizione con l’avversario), ne valorizza l’aspetto ludico rappresentando così un momento di confronto sportivo per valutarsi.

Il pugilato giovanile mira a costruire un percorso educativo in cui la pratica sportiva diventi:

percorso di benessere psico-fisico, da utilizzare durante l’esistenza come costume culturale permanente; momento di confronto sportivo per valutarsi;strumento di attrazione per i giovani, perché possono esprimersi, accettare la diversità e, quindi, socializzare; strumento di diffusione dei valori positivi dello sport, che trasforma i giovani da fruitori in portatori dei valori stessi; strumento di lotta ala dispersione scolastica ed all’emarginazione.”

DEFINIZIONE DI BOXECOMPETITION

La Boxe Competition, è un’attività amatoriale, della Federazione Pugilistica Italiana, propedeutica al Pugilato.

L’idea nasce dall’esigenza di una formazione graduale dell’atleta, gli allenamenti prevedono una preparazione fisica combinata, tanto delle capacità condizionali quanto delle capacità coordinative, le competizioni sono senza contatto o con contatto controllato, le valutazioni andranno a considerare le abilità motorie, il regolamento opportunamente stilato, le protezioni obbligatorie permettono di praticare questa disciplina a uomini e donne dai 13 anni sino ad età avanzate, senza correre alcun rischio.

Nello stesso tempo, la Boxe Competition trova un largo consenso in tutti quegli appassionati che per svariati motivi non vogliono o non possono intraprendere l’attività del Pugilato pur volendosi cimentare in una preparazione fisica propedeutica al combattimento.

La musica rende le lezioni gradevoli e fa sentire meno la stanchezza aiutando a raggiungere velocemente un’ottima forma fisica.

La Boxe Competition è un progetto a carattere di sperimentazione, come tale soggetto a valutazioni, verifiche ed eventuali modifiche su i contenuti e sul regolamento.

Il progetto è stato riconosciuto dalla FPI, Federazione Pugilistica Italiana.

DEFINIZIONE DI LIGHTBOXE

Una scherma pugilistica ATRAUMATICA in cui la valutazione, ai fini del verdetto, predilige l’abilità difensiva (schivare, uscire dalle traiettorie offensive dell’avversario) e l’abilità offensiva priva del contatto aggressivo (nessun colpo volutamente pesante e nessun colpo da ko).

E’ ammesso il contatto purché controllato. Lo scopo è dare ai numerosi frequentatori delle palestre una modalità di competizione su misura per coloro che non hanno i requisiti indispensabili nel pugilato agonistico (età, attitudine al contatto pieno, condizioni fisiche, tempo da dedicare agli allenamenti, esigenze lavorative o di studio).

CHI PUO PRATICARE LIGHT BOXE

Uomini e donne , di nazionalità italiana e straniera, dai 14 ai 65 anni:
Atleti (tesserati nella qualifica “ Light Boxe” )
Dirigenti
Tecnici
Non possono partecipare alle competizioni di Light Boxe gli atleti tesserati (o che sono stati tesserati )ed hanno svolto attività agonistica.
Il progetto è stato riconosciuto dalla FPI, Federazione Pugilistica Italiana.

Giù

GALLERY

CALENDAR

CONTACTS

ADD. VIA MARIO BALUSTRA 26 TORTONA (AL)
MAIL. asdboxetortona@virgilio.it

MAIL

Email:

Messaggio: